sabato 18 Maggio 2024

Catanzaro è pronta ad esplodere di gioia. La preview del match con la Gelbison

Condividi

Corrispondente: Lorenzo Fazio

Foto: Area Comunicazione US Catanzaro

Catanzaro e il Catanzaro sono pronti ad esplodere di gioia per la promozione in serie B. Vincere la gara con la Gelbison significherebbe aritmetica certezza del salto di categoria per la squadra di Vincenzo Vivarini che sarà spinta da diecimila cuori giallorossi al seguito. Per permettere tale affluenza, un vero e proprio esodo di tifosi catanzaresi, si è dovuto ricorrere ad un impianto più grande rispetto allo stadio di Agropoli ed ecco lo spostamento della sede a Salerno allo stadio “Arechi”. Per il Catanzaro un match ball da non perdere per consegnare una gioia immensa a tutto il popolo giallorosso. Presentiamo questo con le voci della sala stampa nel post Catanzaro-Monterosi Tuscia e le parole di mister Vivarini e del centrocampista Luca Verna. Analizziamo, a seguire, la Gelbison che è l’avversario di turno raccontando l’ultima sfida salvezza persa con la Turris e ripercorrendo la gara d’andata del “Ceravolo”, dove i giallorossi si sono imposti per 3 a 0. Per chiudere, la nota stampa sulla pagina Facebook della Gelbison che ha ufficializzato la sede del match col Catanzaro a Salerno e il personaggio del momento, il capitano dei giallorossi Luca Martinelli

LE VOCI DELLA SALA STAMPA NEL POST CATANZARO-MONTEROSI TUSCIA

Mister Vivarini in sala stampa. “Oggi i nostri avversari hanno giocato a viso aperto cercando di aggredirci. Dal canto nostro abbiamo sbagliato diverse occasioni chiare da gol ma siamo stati bravi a sfruttare i calci piazzati. La problematica di queste partite è prenderle sottogamba, ma la squadra si è comportata bene e per questo devo fare i complimenti ai ragazzi”. “Questa squadra nasce dallo scorso anno, dove abbiamo fatto un percorso di crescita importante nonostante le tante situazioni che ci hanno penalizzato. Ciò ci ha portato ad affrontare questa stagione con la giusta rabbia e con la voglia di fare vedere il nostro valore. Al triplice fischio mi sono voluto godere lo spettacolo che regala ad ogni partita il tifo catanzarese”. “Sono a Catanzaro da tre anni e posso dire che, di stagione in stagione, il gruppo è sempre cresciuto” – commenta Verna davanti ai giornalisti – “Vanno fatti i complementi alla società per ciò che è stato costruito”. Settimana indimenticabile per il centrocampista giallorosso. “Il gol contro il Crotone penso rimarrà uno dei momenti più belli della mia carriera, non mi era mai capitato di vivere un’emozione come quella dell’altra sera”. (uscatanzaro1929.com)

NELL’ULTIMO TURNO LA GELBISON HA CEDUTO ALLA TURRIS PER 1 A 0

Nel turno infrasettimanale di Serie C Girone C, la Gelbison perde lo scontro salvezza contro la Turris, decisiva la rete nel finale di Leonetti. Nel primo tempo le stesse squadre si studiano e si equivalgono, la posta in palio è talmente alta che nessuna delle due compagini vuole rischiare nulla; di questo atteggiamento ne risente il gioco, infatti la prima frazione di gara regala pochi spunti, da sottolineare al 18’ una conclusione di Tumminello debole sul fondo e al 45’ il tiro di Guida, sulla corta respinta di Anatrella, che termina di poco alto. Nella ripresa parte subito forte la Gelbison, al 54’ sul cross di Nunziante, De Sena e Tumminello si ostacolano senza trovare lo specchio della porta. Risponde la Turris al 62’ con una conclusione di Contessa che termina di poco a lato, al 74’ arriva l’occasione più ghiotta della partita per la Gelbison, capita sui piedi di De Sena, ma il suo tiro termina di poco alto. La partita sembra avviarsi allo 0-0 finale quando all’86 arriva il goal della Turris da parte di Leonetti, abile a deviare una conclusione dalla distanza di Zampa per l’1-0 della squadra di casa, la Gelbison reclama una posizione di offside, ma l’arbitro dice che è tutto regolare, quindi il goal viene convalidato. La reazione della Gelbison arriva perentoria all’88, sugli sviluppi di calcio piazzato, Gilli svetta di testa ma Fasolino para miracolosamente e mantiene il risultato invariato. La Gelbison si riversa in avanti nei minuti finali, ma il risultato non cambia, termina così 1-0 l’incontro tra Turris e Gelbison. (infocilento.it)

ALL’ANDATA TRIS GIALLOROSSO ALLA GELBISON: DOPPIO IEMMELLO E BIASCI IN GOAL

Il Catanzaro canta sotto la pioggia e anche la Gelbison cade al vecchio “Militare”. La truppa di Vivarini porta a compimento una nuova missione domenicale e mantiene salda la prima posizione in classifica con un’altra prestazione di spessore. Nulla ha potuto la buona Gelbison dell’ex De Sanzo che dovrà costruire la salvezza (o altro) in gare più alla prostata. Terreno pesante al “Ceravolo” dovuto alle abbondanti piogge degli ultimi due giorni. Un minuto di raccoglimento prima del match davanti ai poco più di cinquemila spettatori odierni. Avvio difficile per entrambe le squadre con tante difficoltà a giostrare il pallone a causa del terreno di gioco. Molti contrasti a metà campo e la prima magia è di Iemmello che al minuto 11 libera al tiro Verna che di piatto destro la mette sul fondo. Al 15′ risponde la Gelbison con un tiro a lato di De Sena. Al 16′ progressione di Iemmello che serve Ghion che calcia ma trova la respinta in angolo di un difensore ospite. Al 19′ out Sounas per infortunio e dentro Biasci. Al 22′ il vantaggio giallorosso con un super goal di Iemmello che si libera di un avversario e calcia di sinistro trovando il palo e il goal. Al 25′ tiro di Uliano centrale e presa facile per Fulignati. Al 28′ Curcio quasi approfitta di una leggerezza della retroguardia ospite e in spaccata trova l’opposizione di D’Agostino. Al 30′ cross di Biasci per la testa di Curcio. Sul fondo di un nulla! Al 31′ ci prova anche Scognamillo di testa ma D’Agostino blocca in presa bassa. Al 33′ Kyeremateng trova l’opposizione in area di Fulignati e dal calcio d’angolo che ne esce una mischia porta quasi al goal del pari. Al 37′ asse Curcio-Situm poco fortunata. Un minuto dopo si fa vedere anche Vandeputte ma la sua conclusione finisce di poco alta sopra la traversa. Al 43′ magia di tacco di Iemmello per Situm che serve Curcio ma il suo tiro è respinto. Al termine dei due minuti di recupero tutti negli spogliatoi a prendere un thè caldo. Avvio di ripresa sempre di marca giallorossa con due occasioni nel giro di pochi minuti per Scognamillo in spaccata e Curcio dalla distanza con la sfera che finisce alto. Al 13′ della ripresa scavetto-assist di Iemmello per Biasci e goal del raddoppio giallorosso. È festa sotto la pioggia per il popolo giallorosso che canta e continua a sognare. Poco dopo pericolo Gelbison ancora con Kyeremateng che impegna Fulignati in area piccola. Al 18′ Iemmello potrebbe far tris a tu per tu con D’Agostino prova il cucchiaio ma viene ipnotizzato dal portiere ospite. Al 23′ ancora uno splendido Iemmello disegna calcio e assist mandando in porta Brighenti che la spedisce alto. Al 25′ Vandeputte show sulla sinistra, cross per Situm che di testa manda fuori. Al 29′ Iemmello stavolta trova la doppietta e il terzo goal del Catanzaro con un tiro dalla distanza che finisce sotto le gambe del poco reattivo D’Agostino, che non è riuscito colpevolmente a controllare la sfera. Girandola di cambi da entrambe le parti con Vivarini che risparmia qualche giocatore visto le condizioni del terreno di gioco. Non succede più nulla di rilevante fino alla fine e al triplice fischio è ancora festa giallorossa, applausi per la squadra dal pubblico presente.

CON LA SEGUENTE NOTA SULLA PROPRIA PAGINA FACEBOOK, LA GELBISON HA DATO L’UFFICIALITA’ SULLA SEDE DELLA SFIDA CONTRO IL CATANZARO:

IL PERSONAGGIO: LUCA MARTINELLI, IL CAPITANO DEI RECORD

LUCA MARTINELLI, IL CAPITANO DEI RECORD

Il capitano del Catanzaro Luca Martinelli è protagonista assoluto della squadra dei record che ha fatto impazzire totalmente i tifosi giallorossi in questa stagione sportiva. Un onore e un onere la fascia dei giallorossi per Martinelli che l’ha indossata con orgoglio per cento e più gare, diventando uno dei beniamini della tifoseria. Un vero e proprio duro in campo, destreggiandosi sulla corsia di destra con numerose scorribande senza far mancare qualche goal da difensore puro, decisivo per il cammino dei giallorossi. Una carriera importante alle spalle, culminata con questa stagione indimenticabile col Catanzaro, entrando di diritto nella gloriosa storia dei calabresi. Dopo aver giocato Serie C1 e C2 con Lecco e Mezzocorona, il 4 luglio 2011 passa al Cittadella in Serie B con cui disputa una stagione e mezza in Serie B con 39 presenze. Nel gennaio 2013 passa alla Juve Stabia, sempre in Serie B. Termina la stagione con 15 presenze ed un gol, siglato il 4 maggio 2013 in occasione di Cesena-Juve Stabia, terminata poi 3-1 per i padroni di casa. Il 27 agosto 2013 viene annunciata l’acquisizione di metà cartellino da parte del Chievo; rimasto inizialmente alla Juve Stabia, il 30 gennaio 2014 viene ceduto all’Empoli. Nel estate del 2014 passa in prestito al Novara dove conquista la promozione in Serie B, vincendo il girone A di Lega Pro. Rientrato all’Empoli, il 23 agosto 2015 esordisce in Serie A in occasione della sconfitta interna contro il Chievo. Il 7 settembre viene ufficializzato il suo trasferimento a titolo definitivo al Messina, formazione del girone C di Lega Pro. Il 25 novembre seguente rinnova col club peloritano fino al 2018. Il10 luglio 2016 viene ufficializzato il suo passaggio al Foggia, società con la quale conquista la Supercoppa di Lega Pro e ottiene la promozione in Serie B. Nelle due stagioni successive nella serie cadetta colleziona 50 presenze segnando 2 reti. Il 17 luglio 2019 passa al Catanzaro con cui firma un contratto di tre anni e di cui diventa capitano. Nel corso della stagione 2021-2022 rinnova il proprio contratto con la società calabrese fino al 2023. E’ il capitano di questa squadra straordinaria che ha guidato con il suo grande carisma in questa cavalcata nel girone C di Lega Pro. E’ stato l’autentico trascinatore della squadra verso la B e di lui si apprezza molto non soltanto quanto visto in campo ma anche il Martinelli uomo che ha sempre un sorriso e disponibilità per tutti. Con la sua simpatia ha partecipato a tanti eventi organizzati dalla società mostrando di essere una figura di grande valore nell’ambiente Catanzaro. Nella storia del Catanzaro sarà scritto per sempre il nome di Luca Martinelli, il Capitano dei Record.

Leggi altro

Ultimi contenuti

Contenuto della pagina...