giovedì 23 Maggio 2024

L’ex Costantino sulla promozione: “Sono felicissimo. Grande merito va alla società e a mister Vivarini”

Condividi

Come calciatore, non poteva che crescere proprio vicino allo stadio, e lo rivendica sempre con un certo orgoglio. Alfredo Costantino, nato a Soveria Simeri il 29 febbraio 1964, ha tirato i primi calci al pallone in strada proprio a pochi passi dal “tempio”. Dalla Folgore, società calcistica che accoglieva molti ragazzi del quartiere, passa alle giovanili del Catanzaro, scoperto e portato in giallorosso da Mario Guarnieri, al quale è rimasto sempre legato. “Se non gli hanno intitolato una strada, è ora di farlo”, rimarca spesso Costantino. Aggregato alla prima squadra, esordisce in Serie B il 26 gennaio 1986 in Catanzaro-Perugia 1-2, subentrando al 74’ ad Antonio Logozzo, mitico terzino destro. A fine stagione colleziona quattro presenze e altre sette in quella successiva, in C1. Il 5 settembre 1986 in Reggina-Catanzaro alcuni gli attribuiscono il gol del pareggio ma lui l’ha sempre assegnato all’autore effettivo: Carlo Caramelli. Nel campionato di Serie B 1987/88 gioca 33 partite su 38, quasi sempre da titolare. Disputa delle grandi partite ed è decisivo – fra l’altro – nell’azione del gol di Enrico Nicolini in Taranto-Catanzaro 0-1 del 25 ottobre 1987. È la sua migliore stagione, anche se poi giocherà altre 15 gare in B e 5 in C2 nei campionati successivi. 

Dal 2008 vive in Australia, a Melbourne. E lì ormai è diventato praticamente un’istituzione per il movimento calcistico, grazie alla sua costante attività di allenatore di varie squadre locali e di talent-scout. Ma anche dall’altra parte del mondo, il primo pensiero va ai giallorossi. E per lui la festa è appena iniziata.

Come sta vivendo questa promozione in Serie B?

“Sono felicissimo. Anche qui a Melbourne, assieme alla mia famiglia, abbiamo festeggiato la promozione delle Aquile. Per me che sono cresciuto calcisticamente, giocando partite interminabili sull’asfalto davanti l’entrata dello stadio è una gioia “nostrana”. 

“Grande merito va al Presidente Floriano ed alla sua famiglia, che è riuscito a mantenere la “barra dritta” dando fiducia ad un allenatore eccezionale come Vivarini, e creando intorno alla società una struttura societaria composta da persone veramente capaci e, diciamolo, con gli attributi giusti!”

“Ma il mio più grande abbraccio ed affetto, dopo 17 anni di amarezze e delusioni, va a tutti quei sostenitori che anche in momenti bui hanno tenuto sempre vivi i colori Giallorossi. I tifosi di sempre, che per la loro passione e dedizione vantano in maniera indiscutibile un posto di primo piano nel panorama delle tifoserie, nazionali e non solo”.

Giunga a tutti I Giallorossi D.OC. ed alla società, dall’Australia, un “All the Best” per la prossima avventura calcistica, che sicuramente ci vedrà ancora protagonisti. Con un Iemmello così, tutto è possibile. Forza Catanzaro!”

Leggi altro

Ultimi contenuti

Contenuto della pagina...