giovedì 23 Maggio 2024

Catanzaro-Foggia 2-1: Le pagelle di Aurelio Fulciniti

Condividi

Sala 6 – Sostanzialmente incolpevole sul gol subito, appare insicuro in alcune circostanze, ma nella ripresa compie degli ottimi interventi. 

Scognamillo 7 – Sulla sua fascia di competenza non passa proprio nessuno, e si conferma come sempre. Meno attivo del solito nella fase offensiva, ma contro un Foggia insidioso svolge bene il suo compito principale. 

Fazio 6.5 – Qualche sbavatura, ma bisogna rilevare che nella zona centrale il Foggia raramente riesce a rendersi pericoloso. 

Gatti 6.5 – Attento e preciso in fase difensiva, spreca spesso palle giocabili quando si tratta di rilanciare l’azione. 

Katseris 6 – Prestazione a due facce. Molto valido e propositivo nel primo tempo, si dirada a livello di rendimento nella ripresa, quando commette errori decisamente gravi, che potevano costare caro, nell’economia della gara (Dal 67’ Rolando 6 – Molto efficace nel rompere l’azione avversaria, meno quando si tratta di spingere in avanti). 

Sounas 6.5 – Polivalente a centrocampo come sempre, è costante da mezzala, e però meno presente e valido del solito da trequartista (Dal 61’ Bombagi 6- – Attivo a tratti, non è sempre pronto). 

Ghion 7.5 – Ci pensa sempre lui ad illuminare il gioco e a dargli ritmo, ed è l’ennesima prestazione di altissimo livello.

Pontisso 8 – Il suo lavoro di interdizione lo conosciamo, ma stavolta la qualità ha avuto il sopravvento, con giocate di alto livello che hanno dato occasioni – con alterne fortune – a Curcio e Iemmello. Arcigno e anche funambolico (Dal 74’ Welbeck 6 – Lotta per togliere palla agli avversari).

Tentardini 6 – Attento quando c’è da difendere, meno incisivo in fase offensiva. 

Iemmello 9 – Una doppietta, due prodigi. Il Foggia torna a casa sconfitto le lui ci mette due gol d’autore. Sul primo, capitalizza l’errore di Rizzo su una giocata a difesa molto alta di chiaro stampo “zemaniano” degli ospiti, fa girare la testa a tutta la difesa rossonera e la mette dentro con un diagonale preciso e perfetto. Il secondo gol invece lo segna di tacco, con stile disarmante ed efficace. È costretto ad uscire al 35’, ma l’auspicio è quello di rivederlo in campo per la prossima partita, per magari eguagliare o addirittura superare il record di gol in Serie C (Dal 46’ Cianci 6.5 – Combatte su ogni pallone e cerca un gol che avrebbe senz’altro meritato, non trovandolo grazie a un intervento fortunato del portiere avversario). 

Curcio 6.5 – Il portiere avversario gli para un rigore e gli nega il gol a inizio ripresa, ma lui merita ampiamente la sufficienza, per la buona volontà e l’impegno profuso, oltre che per la presenza assidua in attacco (Dal 61’ Biasci 6.5 – Pressa e porta scompiglio in attacco, provando anche a rendersi pericoloso). 

All. Vivarini 7 – Delio Rossi era arrivato baldanzoso a Catanzaro con il suo Foggia, sperando di portar via un risultato positivo. Ma torna a casa con zero punti, ed il merito è anche stavolta di Vivarini, che ha optato per un ampio, fisiologico turnover, ma ha schierato una squadra che ha saputo pungere e soffrire al tempo stesso, concedendo relativamente poco agli avversari, accorta e intelligente come il suo allenatore. 

Leggi altro

Ultimi contenuti

Contenuto della pagina...