domenica 19 Maggio 2024

Reggiana-Catanzaro 2-2: Le pagelle di Aurelio Fulciniti

Condividi

Fulignati 8 – Incolpevole sui due gol subiti, è prodigioso nel doppio intervento che precede l’azione del rigore per i granata emiliani, ma lo è in maniera particolare per un intervento in uscita nel secondo tempo, effettuato con tempi eccellenti e che salva il risultato sull’avversario ben lanciato a rete.
Martinelli 7- – Buona prestazione, ma con parecchie leziosità che potevano far danni, ma fortunatamente ciò non è accaduto.
Brighenti 8.5 – Sfortunato in occasione dell’autogol, ma questo non macchia una prestazione straordinaria di altissimo livello, con punte da antologia come il perfetto intervento in scivolata su Lanini lanciato a rete nella ripresa.
Scognamillo 7- – Come sempre, con lui il tasso di agonismo e di attenzione è sempre constante ed elevano. Molto meno frequente è la spinta in fase offensiva, rispetto ad altre occasioni.
Brignola 7 – Grande spinta in fase offensiva, che frutta fra le altre cose l’assist per il gol di Biasci. Meno efficace quella difensiva, dove in alcuni frangenti appare troppo sotto pressione e non lucido (Dal 60’ Tentardini 6 – A parte l’impegno, non eccelle particolarmente).
Sounas 6.5 – Trequartista e mezzala, mette al servizio della squadra varie giocate intelligenti. Ma sciupa, a fine primo tempo, una clamorosa occasione (Dal 75’ Bombagi 6- – Impalpabile in fase offensiva, più valido in quella di non possesso).
Ghion 8.5 – Mette tutte le sue qualità tecniche e la sua capacità di occupare il centrocampo in varie fasi al servizio dell’ennesima gara eccellente. Nella ripresa prova più volte la conclusione a rete, ma senza la fortuna che meriterebbe.
Verna 7 – Recupera su ogni pallone e rompe varie linee di passaggio avversarie con efficacia riconosciuta e costante. In più, entra con una gran finta decisiva sull’azione del gol di Iemmello (Dal 75’ Pontisso – Nel momento in cui la squadra sembra abbassarsi troppo, lui cambia tutto e si rende anche pericoloso, impegnando severamente il portiere avversario).
Vandeputte 7 – Non è strabiliante come in altre occasioni, ma la sua presenza sulla fascia è sempre un pericolo costante per gli avversari. E a parte il rigore causato, è da sottolineare positivamente il resto del suo contributo in fase difensiva.
Iemmello 8 – Quando gli capita la palla buona, lui ci fa quello che vuole e tira fuori il solito, grandissimo gol. E così è stato, anche nell’atto finale della stagione. Per il resto – soprattutto nella ripresa – non si nota molto, ma fa capire che c’è. E detto questo, abbiamo detto tutto (Dall’88’ Cianci n.g.).
Biasci 7.5 – Gol, assist e tanta presenza e pressing in fase d’attacco. Finché rimane in campo, è sempre pericoloso (Dal 60’ Curcio 6 – Non ha molte occasioni per farsi notare, ma ce la mette tutta).

Mister Vivarini 9 – Con l’ultimo atto di una stagione prodigiosa e che nessuno alla vigilia avrebbe immaginato, è d’obbligo per l’ennesima volta tessere le lodi del mister. E c’è da sottolineare che questa squadra ha tutte le doti e le possibilità per confermarsi alla grande anche in Serie B. Ma in tutto questo non si può assolutamente prescindere dalla guida tecnica. Detto questo, fatti i festeggiamenti, è il momento di una conferma importante e tutti sappiamo qual è.

Leggi altro

Ultimi contenuti

Contenuto della pagina...