martedì 21 Maggio 2024

Udinese-Catanzaro 4-1: Le pagelle di Aurelio Fulciniti

Condividi

Fulignati 6.5 – Sostanzialmente incolpevole sui quattro gol subiti, anche sul secondo in cui è vittima della sua stessa difesa, si rende tuttavia protagonista di alcuni buoni interventi e soprattutto è essenziale, in fase di costruzione, a far partire dai suoi piedi e dai suoi lanci alcune azioni pericolose.
Veroli 4 – Un errore da matita rossa che apre in favore dell’Udinese una partita che poteva dare ancora ottime prospettive ai giallorossi. Un errore che può starci in Coppa Italia con l’Udinese, ma che in Serie B non potrà essere perdonato (Dall’80’ Oliveri s.v.).
Brighenti 5 – Con la sua esperienza cerca di tamponare le falle ove possibile, ma commette anche degli errori clamorosi, come quello in occasione del rigore regalato ai friulani.
Scognamillo 5 – Buon primo tempo contro Beto che è un brutto cliente, ma poi se lo perde in occasione del vantaggio bianconero e da lì la sua partita si spegne.
Situm 5.5 – Ottimo primo tempo, con buona spinta e copertura, ma nella ripresa cala sensibilmente di tono e rendimento.
Pontisso 6- – A centrocampo è sicuramente il migliore e anche nel secondo tempo tè fra gli ultimi a calare (Dall’80’ Pompetti s.v.).
Sounas 5 – Efficace nel suo gioco fra le linee nel primo tempo, mentre nella ripresa si spegne del tutto (Dal 66’ Verna 5 – Non riesce a porre argini, anche se tenta di rendersi pericoloso con qualche conclusione).
Ghion 6 – Partita non facile per lui, ma non lesina impegno sino alla fine, cercando di capitalizzare ogni pallone giocato, non sempre con fortuna.
Vandeputte 7 – Il migliore. Gol di buonissima fattura e alcune azioni da antologia, soprattutto nel primo tempo. Nella ripresa ci prova anche ed è sempre una spina nel fianco, facendosi vedere quanto più possibile e costringendo Masina all’ammonizione, procurando un buon calcio di punizione dal limite che viene però sfruttato male dal compagno che lo calcia.
Brignola 4.5 – Inconsistente. Ma lo aspettiamo in giornate migliori, perché le qualità ce l’ha e deve farle vedere (Dal 65’ D’Andrea 5 – Fa fatica, ma a gara già incanalata).
Biasci 5.5 – Ottimi spunti nel primo tempo, ma nella ripresa di fa vedere molto meno (Dal 65’ Curcio 5 – Si fa vedere poco).
Allenatore Vivarini 6.5 – il Catanzaro nel primo tempo è il suo, propositivo, col pallino del gioco e con la solita, grande personalità. Poi, nel secondo tempo, gli errori in serie della difesa cambiano la partita in negativo. Forse si poteva effettuare qualche cambio già dopo il 2-1, ma questa squadra, anche se ha bisogno di correttivi e di molta più attenzione nel reparto arretrato, nel complesso c’è e può dare soddisfazioni.

Foto: US Catanzaro 1929

Leggi altro

Ultimi contenuti

Contenuto della pagina...