giovedì 23 Maggio 2024

Veroli: “Cerco di dare il massimo in ogni partita. Dispiace per la sosta ma ci tornerà utile”

Condividi

Arrivato a Catanzaro in prestito con diritto di riscatto dal Cagliari, Davide Veroli si è da subito ritagliato un posto nello scacchiere della squadra di mister Vivarini sfornando buone prestazioni. Il difensore classe 2003 ha parlato in conferenza stampa riguardo il suo inizio e le sue sensazioni sul campionato: “Appena è arrivata la chiamata per venire qui non ho esitato un momento. Ero molto molto felice e molto contento, fin da subito mi sono trovato benissimo con i compagni, con il gruppo in generale e anche con staff, allenatore e dirigenza. Sono stato accolto bene da tutti, anche dalla città. La piazza è molto calda, viene dall’entusiasmo della vittoria del campionato dello scorso anno e questo entusiasmo lo stanno portando in giro per tutta Italia seguendoci ogni partita in moltissimi. Per quanto riguarda il reparto difensivo ci sono giocatori molto forti per la categoria come Stefano (Scognamillo), Brighenti e Situm, ma un pò tutti. Loro mi hanno aiutato molto da subito, mi hanno dato consigli. L’allenatore mi ha aiutato anche se all’inizio è stato un po’ più complicato perché i suoi concetti di gioco ovviamente sono da capire, non sono così facili da apprendere subito”.

“Questa è la mia prima esperienza in questa categoria, che è molto difficile come abbiamo potuto vedere in queste giornate. Il mister già in ritiro mi ha sempre detto che mi avrebbe dato spazio, sicuramente non mi aspettavo di partire da subito titolare, e sono stato molto contento”.

“Tutti gli allenatori sono stati importanti. Ognuno mi ha lasciato qualcosa, però Auteri quando ero a Pescara mi ha dato la possibilità di esordire e mettere piede in campo per la prima volta con i grandi. L’anno scorso ero più in primavera che in prima squadra, ma Ranieri è una grande persona, un grande allenatore. Non ne ho parlato con loro però so che Ranieri ha speso belle parole infatti lo ringrazio. Lo stesso Auteri ha detto qualcosa di bello nei miei confronti e di conseguenza ringrazio anche a lui”.

“L’entusiasmo ovviamente era anche nei giocatori e non sono nella piazza come detto in precedenza. Il fatto di mettersi in gioco credo che non dipenda se si vinca il campionato l’anno precedente. Ovunque vai sempre difficile devi sempre metterti in gioco”.

“A me piace molto questo ruolo. Io ho fatto sia il centrale negli anni precedenti che il braccetto, ma anche il terzino sinistro con Auteri, anche se con meno richieste rispetto a quelle che oggi ci fa il Mister. Io sono pronto a giocare e mi metto sempre a disposizione”.

“In ogni partita che ho giocato ho sempre dato il massimo e ho fatto in modo di poter fare la miglior prestazione possibile. Se dovessi scegliere la miglior gara per me direi quella con la Ternana”.

“Oltre che a Cagliari ho trovato grandi giocatori anche qui a Catanzaro. Lo scorso anno sono stati sempre d’aiuto per quel poco che sono andato ad allenarmi con loro. Cercavano sempre di darmi consigli ed io ovviamente li prendevo e li facevo miei. Anche lì la piazza è molto calda, c’era molta ambizione e si voleva tornare in A il prima possibile, e ci sono riusciti tramite i playoff”.

“Sicuramente venivamo da un bel periodo, due pareggi e due vittorie, e dispiace un po’ per questa sosta. Penso però che sarà utile e che ci permetterà di migliorare dove possiamo e dobbiamo”.

Foto: US Catanzaro 1929

Leggi altro

Ultimi contenuti

Contenuto della pagina...