giovedì 23 Maggio 2024

Donnarumma: “Sto bene, il gol è il mio obiettivo numero uno. A Como sarà dura”

Condividi

Titolare in coppia con Pietro Iemmello nella partita vinta tre a zero contro la Feralpisalò, l’attaccante giallorosso Alfredo Donnarumma ha parlato in conferenza stampa riguardo il suo momento personale e quello della squadra: “Abbiamo fatto una buona partita. Giocare contro queste squadre che vengono a difendersi non è mai facile. Io mi sento bene sto bene, mi manca solo il goal però l’importante sono i tre punti, quando stai bene le cose vengono da sole. Essendo un attaccante sicuramente penso al goal ed è stato sempre il mio obiettivo numero uno. Ci penso senza peso e senza pressione, a me interessa stare bene fisicamente, poi il resto viene da solo. Continuiamo così”.

“Un mese fa dicevo che stessi prendendo la condizione, quello che mi mancava erano le partite perché venivo da un ritiro in cui non avevo fatto nemmeno una partita. Quello che mi mancava di più è il ritmo partita. Ora sto bene e ho voglia di fare bene, bisogna solo dare continuità”.

“Giocare contro di noi non è facile perché per il tipo di gioco che facciamo le squadre magari hanno timore di venirci a prendere, visto che poi le allunghiamo e potrebbero andare più in difficoltà. Tendono a stare più compatti e magari a coprirsi di più. Questo è segno di un’importante crescita della squadra e sicuramente i risultati aiutano”.

“Lavoro per giocare e per dare il mio contributo al massimo. Essendo un giocatore che negli ultimi anni ha sempre giocato è normale che ho voglia di sentirmi importante. Prima di arrivare qui venivo da una situazione un po’ particolare, non stavo ancora bene. Qui abbiamo comunque attaccanti forti e c’è tanta concorrenza, quindi ci sta che ci possano essere situazioni del genere. Il mio obiettivo è lavorare e cercare di giocare il più possibile, che mi fa rendere ancora meglio”.

“Giocare con attaccanti forti e con giocatori bravi penso sia sempre facile. Con Pietro viene tutto naturale, abbiamo giocato quasi niente insieme, e la prima partita che abbiamo fatto penso che sia andata abbastanza bene. Dalla partita col Parma sicuramente è migliorata la consapevolezza e la gestione degli errori, perché le squadre magari ci aspettano proprio per cercare di recuperare e ripartire. Questo l’abbiamo capito e dobbiamo migliorare ancora di più”.

“Nell’azione del primo tempo il portiere mi ha attaccato nel momento dell’aggancio e quindi è stato quasi impossibile non colpirlo. Il difensore invece ha ragionato da difensore vero e proprio perché non ha pensato a quello che succedeva cercando di non far entrare la palla”.

“Sono stato un anno a Como ed è stato anche molto importante per me, è sempre bello ritornarci. Mi aspetto una partita dura perché loro sono un’ottima squadra e hanno delle individuali molto forti. Noi dobbiamo andare lì sapendo che ci aspetta una partita molto difficile e dobbiamo essere preparati a quello”.

Leggi altro

Ultimi contenuti

Contenuto della pagina...