sabato 18 Maggio 2024

Catanzaro-Pisa 2-0: Ambrosino e Katseris fanno volare le Aquile!

Condividi

Per la gara interna contro il Pisa, mister Vivarini schiera dieci undicesimi della formazione vista nelle ultime due partite: Fulignati in porta; in difesa Katseris, Scognamillo, Brighenti e Krajnc; a centrocampo Sounas, Ghion, Pompetti e Vandeputte; in attacco Biasci e Iemmello. Il Pisa di Aquilani, di contro, si dispone con un 4-2-3-1: Nicolas in porta; in difesa Esteves, Piccinni, Canestrelli, Beruatto; a centrocampo Marin ed Hermannsson; Tramoni, Valoti e Mlakar alle spalle dell’unica punta Gliozzi.
Partita subito spigolosa con il Pisa che compie un paio di brutti falli non correttamente sanzionati dal direttore di gara (apparto totalmente inadeguato a dirigere una gara di serie B).
Al 7′ grande azione sull’asse greca Sounas-Katseris con quest’ultimo che si invola pericolosamente verso l’area avversaria e mette in mezzo un pallone velenoso, la difesa di Aquilani libera con non pochi affanni.
Altra azione pericolosa delle Aquile alla mezz’ora con Biasci che, liberato a seguito di un rimpallo, si fa ipnotizzare da Nicolas, abile a deviare in angolo.
Il primo tempo scorre via senza grossi sussulti. Da segnalare sul finire del tempo un paio di buone trame imbastite dagli ospiti. Partita comunque molto chiusa e squadre che tendono a non sbilanciarsi alla ricerca del gol.
Il secondo tempo inizia con un Catanzaro che, attaccando sotto la Capraro, appare più arrembante e voglioso di fare esplodere i 10.000 assiepati sugli spalti.
Al 53′ Ambrosino, appena entrato al posto dell’infortunato Iemmello, trova la sua prima rete in giallorosso che vale il vantaggio per Ghion e compagni. Grande azione sulla destra di Scognamillo che lancia in profondità il solito Katseris, pallone in mezzo, non ci arriva Biasci, recupera Vandeputte che serve il giovane attaccante ex Cittadella pronto a freddare l’incolpevole Nicolas. Catanzaro 1 Pisa 0!
Il Pisa si riversa in avanti ed il Catanzaro soffre. La pressione costante dei toscani viene alleggerita soltanto dalle sgroppate di Katseris e Vandeputte che vanno entrambi molto vicini al gol.
Raddoppio che giunge al minuto 82 con il motorino Katseris che si invola come un frecciarossa sulla fascia, salta il diretto avversario e lascia partire un missile terra-aria verso la porta di Nicolas. Quest’ultimo respinge sul corpo del compagno di squadra Marin che compie il più classico degli autogol.
Il Ceravolo esplode, la città canta ed i minuti finali sono travolgenti.

Dopo 4 minuti di recupero, il triplice fischio emette la sentenza: Catanzaro batte Pisa 2 a 0.
Le Aquile tornano al terzo posto in classifica e, stante la concomitante sconfitta del Venezia, sono a meno 3 dal paradiso. Che altro dire…Ambrosino segna e Catanzaro sogna…

Foto: US Catanzaro 1929

Leggi altro

Ultimi contenuti

Contenuto della pagina...