martedì 21 Maggio 2024

Cosenza in caduta libera, Caserta: “Non guardo la classifica. Sconfitta immeritata”

Condividi

Al termine del match perso per 1-0 in casa della Cremonese, l’allenatore del Cosenza, Fabio Caserta, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa, esprimendo una combinazione di amarezza per la sconfitta e soddisfazione per la prestazione dei suoi giocatori.

“Partita a viso aperto della mia squadra, credo di aver visto una buonissima prestazione da parte dei ragazzi. Siamo arrabbiati per il risultato, per non dire altro. Ma ho rivisto le cose che volevo vedere: ho visto un Cosenza aggressivo e spregiudicato, che se l’è giocata 90 minuti contro un avversario forte. Non meritavamo la sconfitta, ma nel calcio accade anche questo: il gol nasce da un errore nostro, bisogna evitarne. Rimangono amarezza e amaro in bocca, bisogna ripartire dalla prestazione. Non era facile venire a Cremona e fare una prestazione così”.

Il tecnico ha sottolineato l’atteggiamento coraggioso della squadra, lodando l’aggressività e la determinazione dimostrate sul campo. Nonostante la sconfitta, Caserta ha evidenziato la positività della prestazione, evidenziando il fatto che il Cosenza ha tenuto testa per l’intera durata del match.

“Non guardo la classifica, comincerò a farlo a fine marzo. Ora conta poco, preferisco guardare il fatto di tornare alla vittoria. È tanto che manca. Abbiamo creato tanto, anche oggi preso un palo o traversa, bisogna continuare a migliorare. Non bisogna lasciare nulla di intentato, torniamo senza punti ma questo atteggiamento ci porterà lontano. Ai ragazzi bisogna stare vicino, ringrazio ancora i tifosi. Pensiamo alla prossima”.

Il mister ha espresso la sua volontà di concentrarsi sul processo di miglioramento della squadra piuttosto che sulla classifica attuale, sottolineando l’importanza di tornare alla vittoria dopo un periodo difficile. Ha apprezzato l’impegno dei giocatori, sottolineando la necessità di continuare a crescere e di non lasciare nulla di intentato.

“Sapevamo delle difficoltà che potevamo trovare con Vazquez inserito tra i centrocampisti. In settimana abbiamo provato anche il 4-2-3-1 per andare sul play della Cremonese e le loro fonti di gioco e abbiamo fatto benissimo. Potevamo trovare delle difficoltà se facevamo giocare la Cremonese dal basso. Sono contento della prova e molto dispiaciuto per il risultato. Errore di Rispoli sul gol? La palla era da leggere molto meglio, si poteva evitare l’angolo. Poi di chi fosse l’errore conta ben poco, la colpa è di tutti se prendi gol. E poi gli episodi nel calcio fanno la differenza”.

Caserta ha analizzato gli aspetti tecnici della partita, discutendo delle scelte tattiche fatte in settimana e mostrando comprensione per gli errori che hanno portato al gol avversario. Ha sottolineato l’importanza di apprendere da tali episodi e di lavorare insieme per evitare ripetizioni in futuro.

In conclusione, nonostante la delusione per la sconfitta, Caserta sembra focalizzato sulle prossime sfide, incoraggiando i giocatori a mantenere l’atteggiamento positivo e a concentrarsi sul miglioramento continuo.

Leggi altro

Ultimi contenuti

Contenuto della pagina...